Ci sono due modi per cambiare la nostra vita: uno è cambiare il nostro modo di vivere, la realtà che ci circonda; l'altro è intervenire su quel magico, microscopico, interruttore bioelettrico nascosto nei meandri della nostra mente, che cambia la realtà in un clic.

mercoledì 29 dicembre 2010

AMORE E' - PARTE TERZA




“L'amore non bisogna implorarlo e nemmeno esigerlo.

L'amore deve avere la forza di attingere la certezza in se stesso.

Allora non sarà trascinato, ma trascinerà.”

H. Hesse


L'amore non è qualcosa che posso chiedere, mendicare. Significa che sto dipendendo da qualcuno. E se dipendo, in me non c'è amore. Quando chiedo a qualcuno di amarmi, questo significa che in me non c'è amore e lo chiedo ad altri. Ma gli altri ce l’hanno? Da dove proviene?

Se sono come me, anche loro devono chiederlo. Io non ce l’ho, lo chiedo ad un altro aspettandomi che lo abbia e possa darmelo. Altrimenti è un egoista. Ma come fa ad avere amore? Deve produrlo. Oppure dovrà chiederlo anche lui a qualcuno. Il percorso si allunga, ognuno lo chiede all’altro, nessuno lo produce, a tutti finisce col mancare. Manca così tanto amore rispetto a quello che chiediamo! Ognuno si sente derubato dell’amore. Quel poco che ho viene chiesto da terzi. E alla fine mancherà ad entrambi. E’ sensato chiedere amore ad un’altra persona?


Se in me ci fosse amore, non lo chiederei a nessuno. A nessuno chiederei di amarmi.


Se chiedo vuol dire che in realtà non ho. Perché non ho? Perché sono ridotto ad essere un mendicante? Quando voglio che qualcuno mi ami sono un mendicante. Quando dipendo da opinioni, giudizi, disponibilità altrui; quando mi affido a libri, oroscopi, TV, previsioni del tempo, banche, agli sbalzi del mercato, agli umori del partner, sono un mendicante. Forse non c’è nulla di male ad essere un mendicante, ma dipendo sempre da altri. Divento un peso, finiamo con l’essere pesi reciproci.


“La verità non è in fondo al cammino, ma è la somma delle azioni che si fanno per conquistarla.”

Aleandro Jodorowsky


Ci saranno sempre persone che mi aiuteranno. Riempiranno la mia ciotola della loro spazzatura. Sarà questo. Mi daranno ciò che chiedo, accetteranno la mia richiesta. Ma se ci fosse amore non avrei bisogno di chiedere. Se chiedo e mi viene dato allora non è amore. È un accontentarmi, farmi felice, ma non è amore. L'amore è. Trabocca, esplode, non riesce a contenersi, non attende richieste, corre dall’oggetto del suo amore senza sapersi fermare.

L’amore non chiede la sua elemosina. L'amore è. Quando mendico amore ciò che mi verrà dato non è amore. E’ elemosina, spazzatura. L'amore richiesto non è mai abbastanza, non sazia, spesso stanca. Ne vorrò ancora, e ancora. Accumulerò spazzatura, che non sarà amore.


Cercare amore nell’altro significa non avere amore in se stessi.

E allora come  posso amare ed essere amato? Chi può dare ad altri ciò che in realtà non sa  dare, non può dare neppure a se stesso?


Se non ho amore in me stesso sarò incapace di riceverne. Sarà aiuto, soccorso, salvezza nel momento del bisogno, ma non sarà amore. L'amore non è senso di vuoto. Ove c'è senso di vuoto non può esserci amore. Per questo il senso di vuoto dentro non verrà colmato dalla richiesta: è un amore che non c'è e che vuole essere colmato da un amore che non è stato offerto.

Ma cos’è Amore?

Continua…



“Ricorda che sei simile alle vetrate: scintilli e brilli al sole, ma quando viene l’oscurità, riveli la tua bellezza solo se hai una luce dentro.”

Elizabeth Kubler-Ross

-

2 commenti:

  1. Buon nuovo anno EXO. Continua.

    RispondiElimina
  2. Che dolcezza: iniziare (o finire ... visto la data di questo post) l'anno trattando dell'Amore. Sono d'accordo con te: l'Amore E' ... non finisce, non si perde, non si compra, non si cerca ... l'Amore E' .
    Ti auguro un 2011 luminoso.

    RispondiElimina

Lettori fissi

Powered by Blogger.