Ci sono due modi per cambiare la nostra vita: uno è cambiare il nostro modo di vivere, la realtà che ci circonda; l'altro è intervenire su quel magico, microscopico, interruttore bioelettrico nascosto nei meandri della nostra mente, che cambia la realtà in un clic.

lunedì 23 luglio 2012

MINIMALISMO IN CORPO E SPIRITO


Prima di continuare leggete qui:


Innanzi tutto un “in bocca al lupo” ad ADF per il suo lavoro di traduzione della newsletter coi consigli sul modo di portare avanti un’esperienza di minimalismo. Il suo breve post mi ha fatto riflettere.

Io sono un po' scettico sul minimalismo "materiale” per un motivo: si finisce subito se si ha buona volontà, ovvero si fa tutto molto in fretta, magari anche in un lampo se la scelta di vita diventa impellente o si rischia una crisi di nervi andando avanti, ma oltre un certo livello non si riesce ad andare.

Invece c'è un... "minimalismo spirituale" (possiamo chiamarlo così?) che praticamente è senza fondo, non si finisce mai di accedervi, di raggiungere nuove profondità e fare nuove scoperte su di sè, non si finisce mai di scoprire e sorprendersi di fronte all'abisso dei nostri pensieri, dei ricordi, delle emozioni spesso dannose e pesanti che ci portiamo appresso. Il problema in questo caso è l'inverso: non si finisce mai di buttare fuori roba, si potrebbero passare tre vite a gettare.

Mi trovo quindi a raggiungere subito gli obiettivi del minimalismo "materiale", ho pochissime cose e non ne cerco altre, e a non finire mai di gettare via la massa di pensieri, emozioni, negatività, positività tuttavia inutili e non funzionali alla mia vera vita, adesso. Due obiettivi falliti: non mi procura particolare piacere gettare tutto il "materiale", al massimo un po' di fatica in meno, e mi accorgo che gettare la parte che mi appesantisce dentro è un'operazione senza fine, quindi inutile, è la carota posta davanti all'asino per farlo andare avanti: non la raggiungerà mai e continuerà ad avanzare (a gettare).

E comprendo che entrambe sono azioni da compiere, ma il risultato non sarà ciò che mi aspetto. E' come la casalinga che pulisce casa: al massimo può attendersi di trovare la casa pulita, ma le casalinghe non sono appagate unicamente da una casa pulita, vogliono che la propria vita sia  qualcosa in più di questo.

Ecco, se si comprende la frustrazione di una casalinga, si potrà comprendere il perché sia il minimalismo "materiale" sia quello "spirituale" siano pozzi senza fondo: l'insoddisfazione rimane e non è risolvibile. Al massimo si potrà cercare di quietare la mente accettando l'inevitabile, ma se si vuole andare avanti "evolvere" in un certo senso, la strada non è quella. Al massimo questo può essere la "manutenzione ordinaria" della propria quotidianità, utile ma non darà risposte.

Qual è la strada allora?

Posso raccontare qual è la mia.

Lo farò nel prossimo post :-)


-

Lettori fissi

Powered by Blogger.