Ci sono due modi per cambiare la nostra vita: uno è cambiare il nostro modo di vivere, la realtà che ci circonda; l'altro è intervenire su quel magico, microscopico, interruttore bioelettrico nascosto nei meandri della nostra mente, che cambia la realtà in un clic.

lunedì 11 luglio 2011

L'ORRORE DENTRO




A volte il mio mondo si ferma e vedo le cose chiaramente.

Vedo cos'è l'uomo e tentare di cambiare le cose non serve perchè la bestia è dentro, non fuori. Vogliamo cambiare il mondo, il nostro mondo, ma chi ci salva dalla malvagità degli uomini? Vogliamo cambiare le cose insieme ad altri uomini, ma come si fa a fidarsi di loro?

Davvero si vuole scommettere sugli uomini (e le donne)? Cambiare la politica, l'economia, il welfare, il luogo in cui si vive, il traffico, la civiltà, la mentalità, l'ambiente... Ma chi ci salverà dagli uomini, chi?

Se non avessi Dio, prenderei subito un'astronave e mi allontanerei da tutto e da tutti e tanti saluti. Tanto la patina di civiltà è solo apparenza, si scrosta al primo impatto. Un mostro dentro, ovunque vada, porta sè stesso. Se non viene sanato non potrà mai guardarsi allo specchio e innamorarsi di ciò che vede. Ne avrà sempre, inconsapevole, orrore. L'orrore non è intorno a noi, è dentro. Questo mondo non merita di essere cambiato, ha solo bisogno di essere salvato. Se non si fa questo il resto è inutile.

Questo è l'articolo che oggi ha fermato il mio mondo, mostrandolo com'è veramente:


Bambino disabile picchiato, arrestate quattro maestre asilo

I maltrattamenti sono avvenuti in istituto in Calabria
11 luglio, 11:21
 
MILETO (VIBO VALENTIA) - Quattro insegnanti dell'asilo di Mileto sono state arrestate dai carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia con l'accusa di maltrattamenti aggravati ai danni di un bambino disabile di cinque anni. Secondo quanto e' emerso dalle indagini, il bambino e' stato ripetutamente picchiato, anche piu' volte al giorno, e sottoposto ad altre forme di vessazione. Le indagini si sono basate su videoriprese in cui sono documentati i maltrattamenti subiti dal bambino. Le quattro insegnanti sono state poste agli arresti domiciliari, mentre nei confronti di una quinta, indagata nella stessa vicenda, e' stato emesso un provvedimento di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dal bambino.

Le indagini che hanno portato agli arresti erano state avviate nello scorso mese di aprile sulla base di informazioni confidenziali giunte ai carabinieri di Mileto, ai quali, in forma anonima, è stato anche recapitato un dvd con le immagini registrate di alcune donne che rimproveravano un bambino che piangeva ininterrottamente. I carabinieri hanno scoperto successivamente che i maltrattamenti avvenivano all'interno dell'asilo dopo avere installato nell'istituto alcune telecamere.

"La maestra Adriana, ma anche tutte le altre". E' il racconto del piccolo, cinque anni, delle violenze subite nell'asilo comunale di Mileto. Il bambino, nella testimonianza fatta al consulente tecnico nominato dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia alla domanda "quanto botte ti danno?", risponde "tante" ed indica la faccia come punto in cui veniva picchiato. Gli schiaffi erano così violenti che il bambino spesso poggiava la faccia sul banco e sul pavimento per alleviare il calore che avvertiva. I maltrattamenti subiti dal bambino sono stati documentati nelle riprese effettuate nell'asilo dai carabinieri. Tra l'altro, le maestre, per spaventare il bambino, lo portavano in una stanza buia in cui gli facevano credere si trovasse, secondo il racconto del piccolo, "uno con la maschera tutto brutto e tutto nero che chiamavano Don Rodrigo". I pestaggi cui viene sottoposto il bambino sono continui e ripetuti anche in uno stesso giorno. Gli schiaffi, in alcuni casi, sono anche quattro-cinque in rapida successione, con il bambino che tenta invano di difendersi proteggendosi il viso con le braccia. I maltrattamenti nei confronti del bambino finiscono dopo che cominciano le indagini dei carabinieri e le maestre vengono sentite dai militari. "Il bambino, fino a quel momento vessato ogni giorno dalle maestre - scrive il gip nell'ordinanza di custodia cautelare - viene fatto oggetto di particolari premure e accortezze".
 

4 commenti:

  1. Che dire Exosodus? Il bambino picchiato è solo una piccola goccia nell'oceano dell'orrore. Condivido il tuo pensiero, anche se credo che la razza umana nonostante cresca numericamente sia destinata alla estinzione.

    RispondiElimina
  2. Si...credo anch'io che la razza umana sia destinata all'estinzione.

    Sono sempre più convinta che ci siano maestre/i che hanno sbagliato mestiere...troppe/i ne ho incontrate/i!
    Paola

    RispondiElimina
  3. Io credo che ci estingueremo solo se lo vogliamo. Ed è possibile che siamo così ciechi da volerlo.

    Ma non è questo, è che per noi è un attimo rendere questa vita un inferno. E' quello che mi spaventa.

    RispondiElimina
  4. Se vuoi la mia exo non ci estingueremo ma di sicuro a breve ci daremo una bella sfoltita.
    Nella sfoltita spero rientreranno parecchi di questi esseri deboli e ignobili chiamati bestie umane!
    Live simply take it easy
    Alberto

    RispondiElimina

Lettori fissi

Powered by Blogger.